Il nostro ambiente circostante

Il nostro ambiente circostante

Kosančićev Venac

Come se fosse congelato nel tempo quando fu creato – due cento anni fa, Kosančićev venac viene sempre piu' spesso paragonato con il Montmartre a Parigi. Le strade lastricate di questo quartiere conservano ancora l'odore della prima farmacia, aperta 150 anni fa, e alcuni indigeni sostengono di sentire di notte il rumore della vecchia tipografia scomparsa tanto tempo fa. La citta' di Belgrado sta facendo progetti per la ristrutturazione e rianimazione di Kosančićev venac con i nuovi contenuti, naturalmente preservando la sua identita' culturale, autenticita' e diversita'.

Kalemegdan

Il piu' grande e il piu' bello parco belgradese, dove si trova anche la fortezza costruita per tanti secoli, con le impronte autentiche di ciascuno dei suoi conquistatori. La Statua del Vincitore e la platea, dalla quale si vede lo sbocco della Sava nel Danubio, sono il piu' magnifico belvedere nel centro citta'. Oltre alla fortezza, in Kalemegdan oggi ci sono anche il Museo Militare, il Padiglione artistico di Cvijeta Zuzorić, lo Zoo, il parco di giochi , tanti campi sportivi e numerosi ristoranti.

Via Knez Mihailova

Questa zona pedonale e commerciale e' la via principale della citta', protetta dalle leggi del patrimonio urbanistico. E' uno degli ambienti piu' vecchi e piu' valorosi della citta', con tanti palazzi di architettura straordinaria, sorti alla fine del XIX secolo. Ci sono centri commerciali, banche, bar, gallerie, facolta', teatri.

Il monumento al principe Mihailo sulla Piazza della Repubblica

Quando nel 1882 fu eretto il monumento al principe Mihailo Obrenović III, comincio' la formazione urbana di questa Piazza. Oggi e' la piazza principale della citta', il punto d'incontro dei giovani prima di buttarsi nella vita notturna. Sulla piazza c'e' il Teatro Nazionale, il Museo Nazionale e il monumento a Branislav Nušić (famoso commediografo serbo).

Saborna crkva

All'angolo delle vie Kralja Petra I e Kneza Sime Markovića, fu costruita la Cattedrale Ortodossa (Saborna crkva), grazia alla quale, si dice, il principe Miloš riusci' ad ottenere l'autonomia della Serbia dai Turchi. Dentro la Saborna crkva ci sono le tombe dei principi Miloš e Mihailo, e nel suo cortile "a un metro e mezzo verso l'Occidente" dalle loro tombe, giacciono gli illuministi serbi Vuk Karadžić e Dositej Obradović.

La casa della principessa Ljubica

La casa fu eretta nel 1831 dal principe Miloš Obrenović nello stilo serbo – balcanico. Proprio in questa casa fu creata la storia serba. Ci visse la principessa Ljubica con quattro figli. Ci mori' il principe Milan, e il principe Mihailo ci termino' il suo primo regno. Purtroppo, il grande desiderio della principessa Ljubica, di terminare la vita nella casa che amo' cosi' tanto, non fu realizzato, perche' ne fu espulsa un anno prima della morte. Oggi, questo e' il museo dedicato alla "gran signora", dalla cui casa sono rimaste solo le camere con le stufe che riscaldarono la casa.

Skadarlija

Questo quartiere divento' boemico all'inizio del Novecento, quando le sue trattorie diventarono il luogo d'incontro dei personaggi piu' noti della vita culturale di Belgrado di allora. Ci vissero tanti famosi scrittori, attori, pittori e giornalisti. La Skadarlija di oggi e' il luogo ideale per i buongustai, bramosi di ottima cucina e di musica serba popolare e quella zingara.

I fiumi Sava e Danubio

Un'altra specificita' di Belgrado sono le chiatte lungo le rive della Sava e del Danubio, dove si puo' divertere bene, lasciandosi ai ritmi della piu' vasta varieta' di musiche e agli allegri suoni dei trombettieri, fino all'alba.